Comunicazione integrata

Studio della comunicazione interna ed esterna al punto vendita per presentare nel modo più efficace i prodotti e valorizzare l’immagine globale.

Passarella non produce  solo arredamento ma dà vita ad un sistema di comunicazione visiva che stimola l’attenzione e induce all’acquisto d’impulso. Per ottenere ciò Passarella pianifica ogni aspetto della comunicazione della farmacia: dalla sequenza concettuale dei percorsi, alla disposizione dei  display, alla allocazione dello spazio ai prodotti (facyng). Tramite appositi materiali di comunicazione, Passarella rende armonico e leggibile ai clienti l’insieme creando in tal modo una positiva esperienza d’acquisto.

La Comunicazione Integrata di Passarella riguarda:

  • Segnaletica interna
  • Crowner e reglette
  • Schermi interni e da vetrina
  • Vetrine aperte o chiuse
  • E-communication

In futuro la  farmacia  non sarà più solamente un luogo adibito alla vendita del farmaco, ma sarà soprattutto luogo del saper sulla salute  e di dispensazione di nuovi prodotti e servizi: un centro polifunzionale territoriale in cui recarsi non solo per comprare ma anche per conoscere le novità di cura e per stare bene , fare test di prevenzione e sviluppare l’automedicazione responsabile.  Per quanto riguarda il punto vendita ciò è realizzabile solo tramite  uno strumento fondamentale da applicare nella organizzazione dei nuovi spazi espositivi : un efficace sistema di Category delle merci e un’organizzazione dell’esposizione secondo le più moderne tecniche di Visual Merchandising.

Cosa sono il category management e il visual merchandising?

Per visual merchandising si intendono le tecniche che si applicano per rendere operativo il marketing del punto vendita e riguarda: le zone calde o fredde, i percorsi, lo spazio da assegnare alle categorie e ai prodotti, la segnaletica interna. E’ l’insieme delle operazioni per posizionare il prodotto all’interno della farmacia  in sintonia con le scelte del format (o della strategia commerciale) adottata. Riguarda quindi anche l’ambientazione, l’illuminazione, la grafica. La traduzione letterale è visualizzazione della merci, la loro ottimale “messa in avanti”, ma di fatto sottintende una serie di operazioni molto più complesse di una semplice esposizione di prodotti: è un vero e proprio linguaggio comunicativo.

Più in generale, tutte le operazioni di visual merchandising riguardano quindi anche l’atmosfera prodotta dagli stimoli sensoriali che il prodotto esposto è in grado di indurre nel cliente al fine di  attirare maggiormente l’attenzione ed aumentare le probabilità di acquisto da parte dei clienti.

Il visual merchandising cerca di ottimizzare tutte le possibilità offerte dalla vendita visiva in qualsiasi spazio della farmacia, grande o piccolo che sia.

Si occupa di valorizzare al meglio il prodotto, il reparto, il punto vendita, facendo sì che il prodotto giusto sia nel posto giusto, al momento giusto ed al prezzo giusto. Un’adeguata collocazione delle merci all’interno di un punto vendita permetterà al cliente di capire fin dall’esterno se può o meno soddisfare il suo bisogno d’acquisto e, una volta dentro, il cliente sarà libero di destreggiarsi nel mondo dei prodotti, leggendo come un libro il linguaggio del visual merchandising, e acquistando in autonomia. Rendere autosufficiente il cliente tramite la facilità di lettura dello spazio visivo significa minor costi di struttura  ma soprattutto  un più elevato grado di servizio offerto che si traduce in un’alta fedeltà al punto vendita.